In Emilia Romagna le imprese sono sempre più Eco

In forte crescita tutte le certificazioni ambientali. La regione prima in Italia per le certificazioni Emas

30/nov/2011 Ambiente Giulia Gaio

In crescita anche nel 2011 le certificazioni ambientali in Emilia-Romagna che si conferma Regione leader in Italia. E’ quanto emerge dall’indagine realizzata da Ervet e pubblicata nella edizione di ottobre della newsletter "La diffusione degli strumenti volontari per la gestione della sostenibilità in Emilia Romagna".

Aumentano in particolare le certificazioni ambientali di processo (+5% per EMAS e +15% per ISO 4001), le certificazioni ambientali di prodotto (+6% per le licenze Ecolabel, + 21% per le etichette EPD e +42% per le catene di custodia PEFC), le certificazioni di qualità (+ 12% per i certificati ISO 9001) e le certificazioni etiche (+19% i certificati SA8000). Soprattutto, sono in forte crescita le certificazioni per la tutela della sicurezza e della salute sui luoghi di lavoro (+137% per i certificati OHSAS 18001).

Tali risultati, consolidati nel tempo, fanno dell’Emilia-Romagna un territorio oramai maturo per diffusione delle certificazioni ambientali e la collocano ai primi posti su scala nazionale. In particolare con 192 registrazioni l’Emilia-Romagna risulta prima in Italia per le certificazioni Emas; seconda sia per le ISO 14001 (1.558 certificati), che per le certificazioni DAP/EPD (10 imprese con 17 prodotti/servizi etichettati); terza per le licenze Ecolabel (34).

Per quanto riguarda i temi della qualità e della responsabilità sociale ed etica d’impresa, inoltre, l’Emilia-Romagna conta 10.718 certificati ISO 9001 (3° Italia); 600 certificati OHSAS 18001 (2° posto su scala nazionale), e 63 certificati etici SA 8000 (7° posto su scala nazionale). Tra le iniziative avviate dalla Regione, con la collaborazione di ERVET, per sostenere istituzioni e aziende, anche progetti come il software microSGA 2.0 e l’iniziativa EMASClub.

LA SITUAZIONE A LIVELLO PROVINCIALE. Scendendo nel dettaglio provinciale, sono Ravenna (15 registrazioni EMAS e 309 certificati ISO 14001), Bologna (42 EMAS e 305 ISO 14001) e Parma (55 EMAS e 168 ISO 14001) le province più attente all’ambiente e non solo. Le stesse, infatti, si sono mostrate più dinamiche anche per quanto riguarda la diffusione delle certificazioni sociali. Ai primi posti troviamo Ravenna (176 certificati OHSAS 18001 e 7 certificati SA 8000) e Bologna (148 OHSAS 18001 e 18 SA 8000).

Osservando la diffusione delle etichette ambientali che certificano i prodotti eco-sostenibili, la provincia con il più alto numero di licenze “eco” è Bologna (3 Ecolabel, 5 EPD, 25 FSC e 12 PEFC). Seguono Modena (9 Ecolabel, 1 EPD, 13 FSC e 7 PEFC) e Reggio Emilia (3 Ecolabel, 1 EPD, 15 FSC e 8 PEFC).

Per quanto riguarda i settori produttivi, l’indagine Ervet individua in quello metalmeccanico quello con il più alto numero di certificazioni, pari al 28% del totale. Seguono il settore delle costruzioni (17% del totale) e dei servizi professionali di impresa (13%).