Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 364

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 367
Il comune di Modena scommette

Il comune di Modena scommette green

La città, tra le più inquinate d'Italia, punta a diventare più sostenibile con il Seap

20/lug/2011 Ambiente Giulia Gaio

Sono diversi i comuni dell'Emilia Romagna impegnati nel rendere più sostenibili e meno inquinate le città: un esempio arriva da Modena. Il Comune, infatti, metterà in campo una serie di azioni per rendere più "green" la città.

Attraverso il Piano d'azione per l'energia sostenibile (Seap, già presentato all'Unione europea e vagliato dal Consiglio comunale), che prevede una mobilitazione di risorse pubbliche e private per circa 83 milioni di euro, il consiglio comunale punta a raggiungere i rigorosi obiettivi stabiliti dal Patto europeo dei sindaci al quale Modena ha aderito nel gennaio 2010 e che prevedono la riduzione del 20% entro il 2020 dei consumi energetici e delle emissioni di andiride carbonica in atmosfera sfruttando le energie rinnovabili.

Le azioni congiunte saranno una cinquantina, divise in quattro macroaree: "una città più risparmiosa ed efficiente", che si realizza attraverso la riduzione dei consumi e l'aumento dell'efficienza energetica degli edifici pubblici, dei servizi e del settore residenziale; "una città che si muove meglio", da conseguire attraverso una ulteriore promozione della mobilità sostenibile; la riduzione del traffico e l'agevolazione dell'uso del trasporto pubblico con la nuova stazione intermodale. E ancora, "una città solare a energia diffusa", che vuole dire un forte impulso alle energie rinnovabili, al recupero di energia dai rifiuti, al teleriscaldamento e alla cogenerazione, e infine "una città inclusiva che cresce e cambia in modo sostenibile" che punta al miglioramento delle infrastrutture e del verde urbano, e alla partecipazione dei cittadini.

Sono azioni importanti che coinvolgono non solo il Comune, ma anche le aziende, istituzioni e direttamente i cittadini in un cambiamento culturale importante.