Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 364

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 367
Verso le case attiive

Verso le case attive

Cambiamo il nostro modo di pensare

29/apr/2011 Edilizia Dott. Ing. Fabrizio Chiogna

L’Europa impone agli stati membri di costruire case a consumo zero dal 2020. Quali sono le ragioni di tale direttiva? L’Europa si scopre improvvisamente “verde”, attenta ai bisogni e alla tutela dell’ambiente? Le motivazioni sono probabilmente molto meno nobili.

L’uomo ha iniziato circa 150 anni fa un nuovo ciclo storico con la scoperta dell’energia fossile. Oggi sul pianeta si consumano 14 miliardi di litri di petrolio al giorno. Una quantità immensa di energia riversata nell’industria, nella mobilità, nell’agricoltura e nell’edilizia, che ha sostituito le naturali fonti di energia che hanno accompagnato lo sviluppo dell’uomo: l’acqua, il vento, il sole, la biomassa. Pensate che un solo pieno di benzina fatto alla nostra auto contiene la stessa energia di due anni di lavoro fisico!

Ma è illusione che tutto ciò possa durare. Dal 2006 la produzione mondiale di petrolio non riesce più ad aumentare, anzi è in diminuzione. Continuano però ad aumentare i bisogni e i consumi di una popolazione che non è mai stata così alta nella nostra storia. Oggi siamo in 7 miliardi di persone, individui che aspirano a vivere secondo i nostri standard. Lo sviluppo della mobilità in Cina è tale che, al ritmo odierno, nel 2030 serviranno 96 milioni di barili di petrolio al giorno solo per riempire i serbatoi dei veicoli: oggi nel mondo sono estratti 84 milioni di barili al giorno. E’ uno scenario insostenibile.

A breve non potremmo più permetterci l’uso di gasolio o metano per l’edilizia. Non sarà l’Europa con la sua direttiva a modificare il nostro modo di abitare, ma il mercato: quanto meno disponibile sarà il petrolio quanto più diverrà costoso.

Oggi però abbiamo già la tecnologia per costruire non solo case passive, ma case “attive”, edifici che possono produrre più energia di quanta ne consumano. E’ la nostra mentalità che deve cambiare, e lo deve fare al più presto.

Ogni nuova casa che costruiamo con le attuali tecnologie nasce già vecchia, è un’opportunità sprecata.

Non abbiamo tanto tempo. Il 2020 è dopodomani.





Fabrizio Chiogna

Consulente Energetico CasaClima

info@fabriziochiogna.it