Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 364

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 367
Centrale solare a concentrazione

Centrale solare a concentrazione

Rubbia e le sue centrali a concentrazione

28/mar/2011 Energia

Dopo la tragedia in Giappone è tornato di grande attualità il discorso sulle centrali nucleari e sulle energie rinnovabili, anche perché grandi nazioni europee come la Germania hanno deciso di investire proprio su queste ultime.

E non possiamo che accogliere con grande felicità l'apertura di questi giorni della centrale solare a concentrazione di Priolo, la nuova creatura è ENEL chiamata progetto Archimede che concentra i raggi solari in un punto focale, esattamente come fece il grande scienziato siracusano per fermare le navi romane.

Il premio Nobel ed ex direttore del CERN Carlo Rubbia, sostiene che i costi di produzione del solare a concentrazione potrebbero essere ben presto simili a quelli del petrolio, divenendo quindi la vera energia di domani.

La funzionalità di questo tipo di centrali davvero è molto semplice: il sole, che è una sorgente di calore naturale e rinnovabile, concentra i propri raggi mediante appositi specchi verso un unico punto, e la densità di energia calorica aumenta di 100 o 200 volte rispetto ad situazione normale.

L'energia prodotta diventa energia cinetica mediante normali turbine mosse dal vapore e quindi energia elettrica basandosi sugli stessi principi di funzionamento delle centrali sia nucleari che a combustibile.

Esiste una particolarità molto importante che differenzia il fotovoltaico dalla solare concentrazione, ovvero il fatto che si può utilizzare il calore anche in un momento diverso da quello in cui lo si raccoglie, facendo in modo che la produzione di energia elettrica possa continuare anche nelle ore notturne e quando il cielo è coperto di nubi.

Per chi ancora crede che il nucleare sia l'unica strada percorribile per il futuro, forse è arrivato il momento di cambiare idea, o almeno di cominciare a pensare che il nucleare e l'unica forma di energia che certamente produce scorie nocive per milioni di anni.