Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 364

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 367
Eolico selvaggio

Eolico selvaggio

10/gen/2011 Energia

 

Oggi vogliamo dare voce ad una “polemica” che non ha mai visto le pagine di questo sito, una polemica più che legittima che si pone come fine quello di fermare il cosiddetto “eolico selvaggio”.

Si sa che le fonti rinnovabili di energia sono il nostro futuro ma è anche chiaro che possono avere, in termine burocratico/economico, delle controindicazioni dovute al fatto che viviamo in una economica di mercato che tende a divorare tutto, anche le buone cose.

Quindi diamo spazio ad una lettere aperta che potrebbe essere l'inizio di una interessante discussione basata sul ragionamento e sulle voci contrastanti, un discorso che non comprende solamente idraulici o elettricisti ma che comprende sicuramente tutti noi.

 

Lettera aperta al Governo, alla Regione, alla Provincia ed al Comune di Crotone sottoscritta da nove associazioni: Altura (Stefano Allavena), Arci (Filippo Sestito), Co.Ver.Kr (Sandro Tricoli), Enpa (Giuseppina Corrado), Italia Nostra (Teresa Liguori), Lipu (Maria Acri ), Legambiente (Antonio Tata), Movimento Terra Aria Acqua Libertà (Giuseppe Trocino), Wwf(Paolo Asteriti).

Gli estensori delle lettera ricordano che negli ultimi anni in Italia, nonostante la mancanza di un piano energetico nazionale, è stata ampiamente incentivata la Green Economy (economia verde),in ottemperanza al Protocollo di Kyoto ed agli accordi tra Paesi europei, che prevedono che, entro il 2020, il 17% dei consumi elettrici dovranno venire da fonti rinnovabili.

Ma grazie alle notevoli incentivazioni – secondo gli esponenti delle nove associazioni – è partita la corsa alla produzione di energie rinnovabili da mega-eolico e mega-fotovoltaico. nella lettera viene fatto riferimento alle numerose inchieste penali (in Calabria ed in altre regioni) che ipotizzano infiltrazioni malavitose.

«Tali priorità – si legge nella lettera aperta – divengono strategiche in un territorio come quello di Crotone, con un’economia diffusa legata al turismo e all’agriturismo, nonché alle produzioni agricole di qualità: economie locali oggi minacciate dalla scomparsa dei suoli agricoli e di pascolo sotto distese sconfinate di impianti eolici desertificanti in nome di una falsa ecologia».

I rappresentanti delle nove associazioni hanno contato 150 aerogeneratori in funzione in tutto il territorio crotonese, alcuni di questi a ridosso dell’Area Marina protetta “Capo Rizzuto” ed in aree Sic e Zps. «A tale proposito – si legge nel testo – si rammenta che, ai sensi del decreto del ministero dell’Ambiente 29 ottobre 2007, è vietata la realizzazione di impianti eolici in aree protette Zps». Poi si precisa: «A questi 150 vanno aggiunti 5 nuovi impianti che hanno ottenuto l’autorizzazione regionale, per un totale di 218. Se dovessero essere approvate tutte le richieste presentate, si arriverebbe ad un numero davvero spropositato di pale, ben 620, concentrate in un territorio piuttosto limitato e ricoperto di vincoli».

 

Potete leggere tutta la lettera e la discussione a questo indirizzo.