Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 364

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 367
Fotosintesi batte il nucleare

Fotosintesi batte il nucleare

La fotosintesi ci salverà?

04/apr/2011 Energia Rudy Bandiera

Siamo ancora in piena discussione per quello che riguarda le centrali nucleari e la loro messa in opera, a giugno ci sarà un referendum al quale votando decideremo in quale direzione andare per il nostro futuro: la classe politica dirigente di sicuro vuole andare verso energia prodotta dall'atomo e non verso energie prodotte dal sole e dal vento come fotovoltaico o eolico, ma diffidate di chi vi dice che il nucleare è l'unica soluzione.

Questa non è certamente la sede per discutere quali possano essere tecnicamente i vantaggi e gli svantaggi del nucleare rispetto alle altre energie, non siamo il CNR e non vogliamo esserlo, ma ci pare corretto e giusto divulgare quello che la scienza tutti giorni fa per rendere la nostra vita libera dalle scorie e dall'inquinamento, quello che la scienza tutti giorni fa e che in pochi ci raccontano.

La tecnologia dell'uomo è una delle cose del tutto positive che sono sbocciate dal nostro intelletto, e la tecnologia stessa se usata bene produce energia senza produrre scorie: al MIT è stata partorita un'idea che potrebbe rivoluzionare il mondo dell'energia, una foglia artificiale che da sola è in grado di scaldare un'intera casa.

In pratica si tratta di un artifizio per usare la fotosintesi clorofilliana, per prendere spunto dalla natura: una foglia grande quanto una carta da poker che riproduce il processo di fotosintesi clorofilliana trasformando la luce del sole e l'acqua in pura energia, ma con la differenza che la nostra foglia produce una quantità di energia 10 volte superiore a quella creata dalla fotosintesi naturale.


“La cella del Mit invece risulta davvero singolare: piazzata in un recipiente pieno d'acqua ed esposto al sole essa impiega dei materiali relativamente a buon mercato come catalizzatori fatti di nichel e di cobalto che sono in grado di accelerare le reazioni chimiche e di dividere l'acqua nei suoi due componenti principali, idrogeno e ossigeno. Una volta separati, i due elementi vengono inviati in una cella a combustibile e utilizzati per creare energia elettrica. Gli studiosi stimano che oggi con meno di 4 litri d'acqua la foglia artificiale riesca a produrre l'elettricità necessaria per riscaldare una casa in un Paese in via di sviluppo” (fonte)


Pensiamo ancora davvero che possa essere il nucleare la strada del futuro? Pensiamo davvero che non esistono strade alternative e che la tecnologia non possa creare sistemi per produrre energia senza produrre scorie che durano milioni di anni?