Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 364

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 367
Fantafuturo rinnovabile

Fantafuturo rinnovabile

E' iniziata la seconda fase post-nucleare

23/mar/2011 Energia

Anno 2050, l'energia non è più un problema, tutti i sistemi di produzione fossili o basati sull'atomo sono spariti e banditi. I consumi sono ridotti e tutte le case sono in grado di auto produrre più energia di quella che consumano. Io sono un nonno di 88 anni, i miei nipoti non sanno che c'è stato un tempo in cui la produzione di energia stava per distruggere il pianeta. Sono autonomi, sani e svegli. Negli ultimi 20 anni, la società ha fatto un salto evolutivo incredibile, ha capito il significato di democrazia, ogni nucleo familiare si è trovato in una condizione di autosufficienza ed autonomia energetica, questo ha creato generazioni libere, con meno costi energetici. Cittadini coscienti hanno selezionato una classe dirigente efficiente e onesta che è stata in grado di liberare il mondo da lobby e gruppi di potere.

I miei nipoti sono liberi, felici con un futuro fantastico davanti a loro.

 

La qualità dell'energia di una nazione è equivalente alla qualità della sua democrazia.

Ma cosa succede oggi? Se il dopo Fukushima, (come accadde in parte dopo Cernobyl) innescasse una fase post-nucleare? In realtà la quota del nucleare nell'offerta mondiale non è eccessiva, il 16% e se in Italia realizzassimo le 4 centrali in programma passeremmo al 12-13% in 10-15-20 anni a seconda delle variabili prodotte dalla nostra Italianità.

Anche le compagnie petrolifere prevedono da tempo che entro il 2030 la quota delle rinnovabili sarà pari a quella del nucleare. Invece, negli ultimi tempi si sono moltiplicati studi ed analisi che indicano l'obbiettivo di un energia tutta rinnovabile, escludendo nucleare e fossile perfettamente possibile. Oltre agli ambientalisti, lo dice anche McKinsey uno dei più seri e autorevoli istituti.

Il motore propulsivo all'una o l'altra energia sarà determinato principalmente da una scelta politica. La forma di produzione di energia che si consoliderà dovrà il suo sviluppo agli incentivi pubblici.

Le decisioni che verranno prese nei prossimi 2-3 anni saranno determinanti nello stabilire il futuro dell'energia mondiale. A ognuno di noi spetta la decisione più ardua, decidere chi dovrà decidere.


Maurizio Benini