Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 364

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 367
Il riciclo dell'usato

Il riciclo dell'usato

Una seconda vita ai nostri oggetti

29/mar/2011 Ambiente

Telefonini computer, lavastoviglie aspirapolvere, fotocopiatrici televisori: ogni apparecchio vecchio ripassa in fabbrica, viene ringiovanito, poi torna sul mercato con tanto di garanzia, e a prezzi scontati.

Perfino macchinari molto sofisticati: apparecchiature biomediche per la tac, scavatrice per lavori edili, locomotrici ferroviarie. È un intero segmento nuovo dell'economia americana: 100 miliardi di dollari all'anno, tanto valgono prodotti dei fabbricati rimessi sul mercato.

Mezzo milione di lavoratori americani sono impiegati in questo settore. E non da piccole imprese artigianali tutti colossi dell'industria Usa si sono lanciati in questa nuova vocazione.

All'ordine del giorno pr l'amministrazione Obama: come sviluppare ancora di più una attività che offre benefici evidenti all'ambiente e alle tasche dei consumatori. Come superare diffidenze ostacoli che impediscono una diffusione ancora più anche per il ri-uso. I problemi non sono tanto sul mercato americano che di gran lunga più avanzato e per una volta si rovescia l'immagine del consumismo più vorace distruttivo del pianeta.

I big della manifattura lamentano soprattutto gli ostacoli della loro espansione nel resto del mondo.

In molti paesi la legislazione locale traduce un'atavica diffidenza per usato: si teme scadente inaffidabile pericoloso. Il Giappone con la sua alta tradizione di qualità del servizio cliente, è uno dei mercati più chiusi verso l'usato.

La Cina già afflitta dalla diffusione della pirateria, quando compra madre in Usa vuole prodotti nuovi fiammanti.

Altri paesi emergenti come il Brasile vietano tassativamente il commercio di apparecchiature mediche usate perché sospetta un tentativo di rifilare i loro ospedali macchinari di serie B, non all'altezza delle tecnologie più avanzate.

L'usato invece, quando viene resuscitato ripassando nella stessa fabbrica che lo ha prodotto la prima volta, può essere altrettanto sicuro ed efficiente del nuovo.

Per l'amministrazione Obama alla nuova tendenza incoraggiata: aiuta le fasce di consumatori meno abbienti, perché mette sul mercato apparecchi che possono costare la metà del nuovo: inoltre abbatte danni ambientali, il consumo di energia della produzione industriale e l'accumulazione di discariche elettroniche altamente inquinanti.

Forse non è ancora il caso di gridare al miracolo, ma probabilmente qualcosa si sta muovendo anche nel più grande paese capitalistico al mondo, paese che ha fatto del consumo la propria bandiera del progresso.


Articolo tratto da La Repubblica