Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 364

Deprecated: Function split() is deprecated in /home/amoreperlacasa/modules/page/page.inc on line 367
Sostenibilità , bioedilizia e certificazione

Sostenibilità , bioedilizia e certificazione

17/nov/2010 Edilizia

Spesso si tende a parlare adoperando termini o verbi che vengono usati da altri ma non sempre si sa che cosa si sta dicendo, o almeno non sempre lo si sa con precisione.

Già la scorsa settimana abbiamo parlato della differenza tra energie rinnovabili ed energie alternative, piazzando le prime tra le preferibili in quanto, appunto rinnovabili, e le seconde tra le alternative da non prendere (possibilmente) in considerazione, come il nucleare, in quanto basate sempre su materie prime non rinnovabili quindi finite.

E la sostenibilità che cos'è e come la si può raggiungere e mantenere?

La sostenibilità è la caratteristica di un processo o di uno stato che può essere mantenuto ad un certo livello indefinitamente ovvero è quel processo virtuoso che può essere perpetuato per sempre.

La bioedilizia, per esempio, è una pratica costruttiva che verte appunto sulla sostenibilità, cercando di fare si che le case e l'ambiente urbano tutto, oggi grande consumatore di energia e quindi inquinatore, diventi se non un produttore di energia, almeno un elemento ad impatto zero, ossia un elemento del quale il pianeta non si accorge nemmeno, nel bene e nel male.

Per comprendere il concetto di Bioedilizia è anzitutto necessario considerare che la casa in cui si vive è un vero e proprio organismo che interagisce in modo determinante tanto con l’ambiente quanto col suo abitante.

Nell’edilizia convenzionale, l’interazione con l’ambiente avviene sia in termini di rarefazione delle risorse terrestri che in termini di inquinamento, impatto causato dall’estrazione, dalla trasformazione, dall’impiego e dallo smaltimento della materia utilizzata. L’interazione con l’abitante invece, avviene in termini di diffusione di quei fattori malsani e allergizzanti contenuti in gran parte dei comuni materiali di costruzione.

La Bioedilizia si ripropone di ripristinare una sorta di primordiale equilibrio tra uomo ed ambiente, affinché il benessere dell’uno non comprometta il vigore dell’altro.

La sostenibilità non è scindibile da qualità e innovazione. L’edilizia, che contribuisce per il 40% ai consumi energetici europei, può far molto per render possibile l’attivazione di un nuovo modello di sviluppo, che consenta alle generazioni future di continuare a vivere, e può farlo attraverso la difesa di un mondo sostenibile, tramite l’affermazione della qualità attraverso l’innovazione.

Ed ecco appunto a cosa serve l'attestato di certificazione energetica, cioè un documento ufficiale, valido 10 anni, prodotto da un soggetto accreditato (certificatore energetico) e dai diversi organismi riconosciuti a livello locale e regionale estranei alla proprietà, alla progettazione o alla realizzazione dell’edificio.

Stabilisce in valore assoluto il livello di consumo dell’immobile.

Più è bassa la lettera associata all’immobile e minore è il suo consumo in termini energetici.

Come lavatrici e lavastoviglie, ora anche le case in vendita e in affitto saranno catalogate in base alla loro efficienza energetica e suddivise per classi.

 

In pratica la sostenibilità è l'obiettivo da raggiungere attraverso bioedilizia e certificazione energetica.